PAPPOSILENO.

ristorante // enoteca.

 
papposileno, ristorante Cavriglia , tuscan cooking, tuscan wine, cavriglia, ristorante Valdarno, enoteca valdarno, ristorante Chianti, enoteca Chianti, ristorante toscana, enoteca toscana, birre artigianali , ristorante pesce , cucina tipica, Wine Tasting, degustazioni di vino, gelati artigianali, formaggi, sala da tè, caffetteria, tea room, cioccolateria, wine tours, Matrimoni toscana, weddings toscana, catering, corsi di cucina, slow food, slow cooking, slow life,
LINGUE
 
 
 
TUBER MAGNATUM PICO
PERCORSO
TARTUFO
 

TUBER MAGNATUM PICO

 
 

La stagione del bianco pregiato è iniziata, abbiamo atteso la fine della fiera d'Alba per proporvi il famoso tartufo. Da oggi, ma solo su prenotazione è possibile consumare il Bianco d'Alba, direttamente preso dalle mani di piccoli raccoglitori locali, a prezzi possibili.
Oggi da proporvi un anteprima, un bellissimo esemplare di 70 grammi dal profumo sconvolgente, nella foto accanto lo potete ammirare, ma purtroppo non sniffare....! Sufficente per una fantastica tagliatella per 4 persone.
Potete prenotarlo al 3474758003


PREZZI BORSA TARTUFO clicca qui


Il tartufo bianco pregiato, nome scientifico TUBER MAGNATUM PICO. E' considerato il tartufo per autonomasia perché riveste un'importanza commerciale notevole. Conosciuto anche come Tartufo d'Alba o del Piemonte perchè cresce in abbondanza soprattutto in questa regione (Monferrato e Langhe), ma lo si trova anche se in minima parte in alcune aree dell'Italia centrale e nel sud della Francia. Alba lo ha battezzato, ma nel Piemonte é presente in tutto il Monferrato, Langhe e Roero ed in parte della collina torinese.
Esso ha un aspetto globoso, con numerose depressioni sul peridio che lo rendono irregolare. La superficie esterna é liscia e leggermente vellutata. Il colore varia dall'ocra pallido al crema scuro fino al verdastro. La sua carne o gleba é inconfondibile e si presenta bianca e giallo grigiastra con sottili venature bianche. Il suo profumo piacevolmente aromatico ma diverso dall'agliaceo degli altri tartufi lo rende unico nel suo genere. Vive in simbiosi con quercie, tigli, pioppi e salici e raramente lo si trova in concomitanza ad altri tartufi. Il tartufo bianco, per nascere e svilupparsi ha bisogno di terreni particolari con condizioni climatiche altrettanto particolari: Il suolo deve essere soffice e umido per la gran parte dell'anno, deve essere ricco di calcio e con una buona circolazione di aria. E' quindi intuibile che non tutti i terreni presentino queste caratteristiche e proprio questi fattori ambientali fanno si che il tartufo bianco diventi un frutto raro quanto ambito. La raccolta è da Settembre a Dicembre.
 
PHOTOGALLERY   //   TUBER MAGNATUM PICO
TUBER MAGNATUM PICO
 
 
Alias2k | realizzazione siti web, grafica, web design, internet, intranet, extranet, visual design